ripido!

Il 17 gennaio 2013 abbiamo incontrato in libreria Enzo Cardonatti autore della guida ripido!

Ripido 2012Durante la serata Enzo Cardonatti ha conversato con Marco Blatto di discese ripide, della grande passione per questa disciplina, di “etica della salita ed estetica della discesa”, uno dei temi trattati dall’autore nella sua introduzione.

eventi_71_10

L’autore Enzo Cardonatti con Marco Blatto

Il racconto di come nasce questo libro non può non partire dalla prima edizione del 2005, scritta con Federico Negri per l’Arciere Editore, e dal ricordo dell’amico e compagno di discese, ricordo che troviamo anche nelle prime pagine del libro.

Questa nuova edizione comprende 175 itinerari da Genova alla Valle d’Aosta, suddivisi in valli dall’Appennino Ligure alla Valle d’Aosta: Appennino Ligure, Val Tanaro, Valle del Roia, Valle Gesso, Valle Stura, Valli Maira ed Ubaye, Valle Varaita, Monviso e Valle Po, Val Pellice, Valli Chisone e Germanasca, Valli di Susa e Sangone,  Ecrins, Vanoise, Maurienne, Aravis, Valli di Lanzo, Valle dell’Orco, Valle d’Aosta e Gran Paradiso.

Molto interessante l’idea di dar voce ai racconti dei protagonisti delle discese, dove vengono alla luce “emozioni e motivazioni vissute nell’affrontare, da soli o con altri compagni, itinerari di sci ripido.”

Ezio Cardonatti – ripido! 175 linee di discesa da Genova alla valle d’Aosta.  Edizioni Ripido 2012. pp. 352 con foto a col., € 32.00

eventi_71_12

Enzo Cardonatti

Potete vedere il video della serata, grazie a Enzo per averlo reso disponibile.

Questa voce è stata pubblicata in incontri, Libri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a ripido!

  1. Enzo Cardonatti scrive:

    E’ stata anche l’occasione per esprimere il concetto dello sci estremo come realtà rovesciata dell’alpinismo. Una disciplina che rovescia alcuni tra i canoni classici dell’alpinismo: la vetta come meta e il vuoto alle spalle durante l’espressione tecnica del proprio salire. Per lo sciatore la vetta è il punto di partenza e il vuoto viene vissuto inesorabilmente di fronte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *